Si basa sull’intrinseca capacità del corpo umano di rigenerare se stesso tramite processi di feedback naturali, frutto di secoli e secoli di evoluzione.

La salute di un individuo è strettamente connessa all’ambiente: il suo comportamento e le condizioni esterne causano fluttuazioni di “benessere” che spesso svaniscono spontaneamente, una volta che il corpo agisce su se stesso per recuperare l’equilibrio.

Se il “malessere” è così sviluppato che il corpo non riesce a recuperare da solo lo stato di equilibrio, il medico interviene utilizzando rimedi tanto più “incisivi” tanto più è profondamente radicata la malattia; la biomedica tradizionale sarà esaltata da pratiche integrative che tengano in conto l’effetto complessivo della cura sul corpo, e non sulle singole parti che mostrano palpabilmente i sintomi.